Rigenerarsi sulle ALPI OROBIE Pizzo dei Tre Signori

28-29 Ottobre

Rigenerarsi sulle Alpi Orobie,

un singolare punto per vedere da sud la concavità dell’Arco alpino.

Rifugio Grassi, Pizzo dei Tre Signori con salita sulla spalla (o in vetta per chi è esperto e attrezzato).

Fine settimana di Consapevolezza (Mindfulness) in cammino,

offerto da Paola Songa e Matteo Zanella.

 Mi vedo in contatto con gli antenati che dimoravano in questa zona in tempi antichissimi e che sapevano vivere in pace e in armonia con la natura proteggendo le montagne, i boschi, gli animali, le piante e i minerali di questa terra. Sento l’energia di questa terra penetrare nel mio corpo e nella mia anima, sostenendomi e accettandomi.

(Thich Nhat Hahn)

Pernotteremo presso il Rifugio Grassi, con gestione e cucina molto sensibile alla protezione dell’ambiente, raggiungibile dai versanti bergamasco, lecchese e valtellinese (Provincie di Bergamo, Lecco, Sondrio)

 LA LUNGHEZZA DI QUESTO TESTO E’ DOVUTA:

-AL TIPO DI PROPOSTA: RITIRO DI MINDFULNESS SU CRINALE ALPINO. Già felicemente sperimentata recentemente, quindi fino a poco fa  INEDITA IN ITALIA

-E AI TIPI DIVERSI DI PERSONE A CUI E’ RIVOLTA ! RACCOMANDIAMO comunque a  tutti i partecipanti di vivere in modo sano in queste settimane  praticando NUOTO o JOGGING, Yoga, Qi Gong (e utilizzando ogni nostro momento della vita quotidiana per nutrire la salute e l’ambiente facendo le scale, spostandoci in città camminando, pedalando; non utilizzando ascensori)

Sabato- raggiungeremo il Rifugio Grassi (vedi in fondo)

Da qualunque provenienza (cioè anche chi non  salisse dal versante bergamasco con  Paola e Matteo) cammineremo insieme in consapevolezza, cioè arrivando a casa a ogni passo; cammineremo con andature diverse, proporzionate all’allenamento degli amici e delle amiche,  importante è arrivare a ogni passo; camminare insieme http://meditazionebergamo.altervista.org/thich-nhat-hanh-essere-spirituali/

La cena in consapevolezza (Mindful Eating) -con l’ ottima cucina del Rifugio Grassi- sarà vegetariana con formaggio d’alpeggio locale o vegana a seconda delle necessità individuali. Per proteggere il Pianeta  dal Riscaldamento Globale,  in tutto il Ritiro non consumeremo bevande alcoliche nè carne e pesce.

Non mancherà una Condivisione in cerchio, così cara a Thich Nhat Hanh, della propria esperienza: come sto, qui e ora, nella “mia” mente-corpo.

E non mancherà prima di dormire una breve meditazione seduta guidata di nutrimento.


Domenica-
dopo il Risveglio del corpo e colazione saliremo sulla spalla del Pizzo dei tre Signori (proseguirà in vetta chi è esperto e attrezzato)

Consapevolezza-Mindfulness: siamo felici anche se non vedessimo camosci o stambecchi (ma forse ne sentiremo solo il profumo delle feci), anche se le Alpi Retiche e il Monte Rosa fossero completamente annuvolati: Non c’è una via per la felicità (cioè vedere camosci o stambecchi, o altre cime ecc.), la felicità è la via (cioè nutriamo la felicità con ogni cosa semplice, rinfrescante e rigenerante presente  in noi e intorno a noi: il cielo, le nuvole, il filo d’erba e il sostegno degli amici sui Sentieri spirituali).
 

Cosa portare:
Scarponi (o scarponcini da trekking per chi è molto esperto e allenato) – coppia di bastoncini da trekking o in materiale naturale (nocciolo, bambù) essenziali anche per apertura di torace, spalle e respirazione (ne abbiamo un paio da prestare) – zaino (ne abbiamo uno da prestare, 26 Litri) – occhiali da sole – guanti quasi invernali – berretto-  boraccia o thermos- data la stagione abbigliamento quasi invernale (meglio se tecnico), possibili consigli per adattamenti o acquisti – possibilmente mantellina pioggia da montagna o bici (ne abbiamo una da prestare) – per coloro che saliranno in vetta sul Pizzo dei Tre Signori elmetto da montagna o da bici (ne abbiamo uno da prestare). Per ecologia se l’abbiamo: sacco lenzuolo (altrimenti costa, ma è robusto e si può riutilizzare abbastanza) – Gallette di segale/riso, pane, uvetta e simili.

-Costo:
Cena, pernottamento (colazione per chi la fa)
Chiediamo, se non ci sono difficoltà economiche,  10-15 Euro  a persona o coppia/famiglia

 

-Iscrizione: Paola: sms 3398094240 Matteo: sms  3333665488  Poi colloquio telefonico.

Matteo Zanella. Posted on

Paola Songa.  Nata nel 1964 a Milano, ha studiato come educatrice per l’infanzia.

Da sempre legata alla Chiesa Cattolica si è formata nella sua giovinezza agli insegnamenti del Card. C. M. Martini, biblista e maestro di dialogo  che guidò la Diocesi di Milano dal 1979 al 2002.

Dal 1987 al 2013 ha fatto parte di un Istituto di vita consacrata a servizio delle parrocchie della Diocesi di Milano vivendo in comunità con altre sorelle  con le quali ha condiviso vita, preghiera, servizio ecclesiale, sociale e studi teologici e biblici.

Ha abitato con le sorelle in diverse località: Seveso, Varese, Monza, Cesano Maderno, Lentate sul Seveso prima e poi nella periferia sud di Milano (Opera) e, infine, periferia nord (Baranzate) impegnandosi in vari settori: adolescenti e giovani, anziani e malati, carcere e disabili, famiglie e polisportive, progetti di integrazione e sostegno scolastico, progetti nei campi Rom, formatrice/coordinatrice dei volontari dei centri d’ascolto e scuole di italiano per donne straniere.

Tutt’oggi rimane ispiratrice e collaboratrice a distanza di diversi progetti: Associazione di promozione sociale “La Rotonda”;  “La corsa del Vangelo”.

Nel 2013 ha lasciato la vita comunitaria e si è trasferita in Val Brembana (BG). È passata attraverso diversi lavori legati alla montagna: caseificio, agricoltura biologica, giardinaggio, stagioni nei rifugi in quota, negli agriturismi e nei ristoranti della valle; e lavori legati all’ambito educativo: accompagnamento dei minori e delle loro famiglie nei progetti di affido familiare, trasporto di ragazzi/e con disagio psichico a scuola, educatrice nelle comunità residenziali di adolescenti italiani e stranieri inviati dai Centri di Giustizia con pene alternative al carcere, educatrice per la Casa Vacanza di Zambla Alta (BG) e per la Casa Bergamasca di Babbo Natale.

Attualmente si guadagna da vivere  con contratti temporanei come bidella nelle scuole della valle, arrotondando lo stipendio con quello che le viene donato dalla generosità di chi incontra nel cammino.

Collabora nella Commissione Qualità della Cooperativa “Il Sole e la Terra” a Curno (BG) .

Appassionata di sport da sempre, passata attraverso l’esperienza dello scoutismo AGESCI, anche nella vita milanese ha sempre coltivato la vita all’aria aperta, in cammino e in movimento spostandosi in bicicletta, giardini pubblici, praticando nuoto e, quando era possibile, montagna, nuoto in mare, canoa, sci, sci di fondo, ciaspole.

Iscritta al C.A.I. dal 1999. Nel 2013 ha compiuto il Corso Base di sci alpinismo; e il Corso di Accompagnatrice del Parco delle Alpi Orobie Bergamasche. Nel 2015 ha approfondito la sua esperienza sul tema della resilienza con Pietro Trabucchi, psicologo dello sport. Nel 2016  istruttrice nazionale di Nordic Walking.

Continua ad approfondire gli studi biblici e la spiritualità.

Sente che il verbo principe della tradizione ebraico-cristiana è “ascolta” (“Shemà Israel”), cerca di applicarlo nell’incontro con le persone e con il Creato e nella presenza di Gesù di Nazareth.

-Luoghi e orari di incontro:

E’ raccomandata la condivisione delle auto

 

-PER CHI SALE DAL VERSANTE BERGAMASCO con Paola e Matteo: ci incontriamo a Bergamo città ore 10,45 o Almè ore 11. Chi provenisse da Milano e salisse dal versante bergamasco, deve uscire dalla A4 a Dalmine (NON proseguire fino a Bergamo!) e sarà incontrato a Almè

-PER CHI SALISSE DAL VERSANTE LECCHESE informarsi su www.rifugiograssi.it/ . C’è anche la possibilità di accorciare il cammino salendo con Fuoristrada condotte da Autisti.  Gli amici e amiche di Milano possono salire anche dal Versante lecchese

-PER CHI SALISSE DAL VERSANTE VALTELLINESE  (Sondrio), CONSIGLIATO SOLO A PERSONE ESPERTE E ATTREZZATE

Queste proposte di inizio autunno desiderano essere un ciclo di simili esperienze nel  2018 (una al mese da Aprile a Ottobre-Novembre) sulle Alpi Orobie,  meta di Escursionisti  (e anche Alpinisti !) da Nord delle Alpi ! queste cime sono quasi il  “fuoco di una parabola” posto sulle Alpi Orobie da cui si vede da Sud buona parte dell’ Arco alpino. Un luogo ricco di storia per tutta la Penisola italiana.